Scritture

wp-jmoore-r powerwd by wordpress VERSUS (quo/Quo?)

Le vert sourireLe vert sourire

VERSUS

(quo/Quo?)

pdfScarica Versus (quo/Quo?)   in pdf 

________________________________

________________________________

Brasilia



leggi  leggi BRASILIA
brasilia
Brasilia
Deserte strade:
stanchi fari,
di recenti vestigia
ultime rovine
(eppur ancor vive la sua prima gente):
Luce stracciata
Non vedi?
la polvere è muta,
il cielo inchiodato.
Blocchi squadrati: cemento,
vitree pareti inferriate;
freddo luccicare;
non ciarla nessuno ai balconi;
d’affari silenti i caffé;
Turpe chi guarda
Il sole, chi ama.                                                                                                                                                         
metropoliCittà
Non è che sola noia,
solitudine, e pur ci vivi:
è tua:
città.
Ricordi di un viso stracciato,
paesaggi di stupida bellezza.
Logorata è la vita;
ma il luccicar del sole
che altrove non è tale –
scintillante sul fronte vetrato
d’un palazzo, e sugli acciai
è tuo.
Ed è la musica al cuore
e a te più cara.
che ti fa perdonare
il tuo viver malato
fra quatto mura aperte.
***                                                                                                                                                                                            
monaco Theresien-hohe uffici, particolareAmo queste
innumerevoli case
che dite
prigioni,
il vento che soffia fra
canali di miasmi,
e gabbie di cristallo
e luci
e occhi umanifavero
sconosciuti.                                                                                                                                
GraalPerceval 1
Se ne andò per seguir la sua illusione;
non provocò che danni intorno a sé,
morì la madre per il gran dolore
di vederlo partire alla ventura;
e mentre egli lasciava la foresta,
desolata,
indietro non si volse per verla
morire.
Ma senza sogni di brama d’illusioni
avrebbe mai potuto rischiarare
la sua mente, la colpa sua comprendere
e, dopo l’impotente sicumera
delle sue gesta invano prodigiose,
quasi uno scherno inconsueto ormai,
apprendere l’amore universale?                                                                                                                               
Gral 2Perceval 2
Assiso sopra l’ultima illusione
ch’era incrollabile come una fortezza
giocò l’ultima carta e fu perdente:
fu Dio che lo tentò.
Però salvezza ancora gli pervenne,
nella sua mente ormai dischiusa al vero,
da un’illusione sicura ed esaustiva:
la certezza nell’ultima certezza.
***
Nella foresta bretone alla luce
del chiaro plenilunio metafisico
stanno pensosi e fissi i cavalieri
erranti sulle pene della vita.
Sono coi fili stenti i lor pensieri
di certezza intessuti su un magnifico
incanto dove il dilemma si produce.
Loro ricorre di visione altera
l’ombra che audace supera la sfera
degli intrusi argomenti ed abusati.
***                                                                                                                                                                                        
panchinaStare vorremmo assorti nel cercare,
in un’attesa che lieta si prolunga,
l’attimo vero che il tramonto estivo
con la tremula brezza forse reca.
All’ora del crepuscolo
ancora reiterato
muore ogni volta la speranza
della ragione illusa
superfluamente invitta.
A noi giungono voci deliranti:
scandiscono ch tempo non è questo
per le stupide ciance che dal cuore
insorgono;
essere avvinti noi vogliamo solo
dalla panchina dell’antica piazza
dove giunge e stupisce con mistero,
nuovo sempre ed usato,
l’alito dolce della sciocca vita
bastante a chi ha vinto una scommessa
con il proprio suadente disinganno.
***
Oggetto poetico 1OGGETTO POETICO
(incipit) a brandelli/per un (fra)intendimento organizzato
Esperito straniamento di un idiodialetto
Certo io dico per abbandonarsi
poco ci vuole e l’occasione si presta
(hallo, chi parla?)
Non manca l’ora propizia
Della spiaggia dorata al tramonto
(sì, quest’ “ultimo” verso ci piace l’abbiamo
già visto al neon l’altra sera)
e invero c’è pure un motivo
non privo
di ragione per preferire di scantonare
al meccanico raziocinare:
ma tuttavia
(ci aveva già divertito col parlare
Paradossale, ed anche commosso e fatto
pensare)
/ma dunque per giove dicevo
che/ non può essere la soluzione
condursi come se questa sia data
per sempre/ ma cribbio, se una
metafora in rima imp-o/a-stassi a costoro,
sicuro: starebbero buoni
per un po’ (enjambement)
ad ascoltare l’intendimento/
e infatti fu un attimo che
didtratti si volserto ad un
«accorriamo tutti quanti,
tutti in fila, tutti lesti…»
dove e quando non lo so
(sss….! Pregasi far tacere l’intruso,
lo stamapatello: il dialogo è a due)
e quindi non i paesaggi, le vele, le lune
però tuttavia …. allora che cosa?
Ma certo comunque potrebbe colpire
nel segno anche arrivare con efficacia
ad un grigio di città che amiamo
sotto i portici brillanti specialmente
Oggetto poetico 2dove la vita si produce
e dove possiamo più essere noi,
poiché questo, chiunque sta fuori la sera
conosce e – credo – non ne sia indifferente
se poi, qui giunto, gli dico che
(cioè dice … ma perché?
lo intravediamo, sì, nelle piazze,
avantieri lui stava sulla spiaggia
di un mare tremolante,
ma il ricevitore staccammo, era tardi
per sintonizzarci per recuperare un trasmettere
disturbato ormai da(l) tempo)
ci si potrebbe ancora salvare nel
riconsiderare
questi assurdi – che essi dicono –
palazzi ma pur casa loro, città, in ogni caso
riconsiderare
(sì il riconsiderare è sottolineabile
Visto che
glossa ma di chi? –
fin qui c’era sfuggita
una certa virgola di vita,
ma non troppo sottili dobbiamo starcene  Oggetto poetico 3
infatti non tutto sta qui)
riappare notando sul foglio trasmittente
è questa un’alterità – glossa bis –
che s’impone
(e imporsi potrebbe se … insomma nel caso
in cui, … cioè in certi casi)
s’imporr – potr – ebbe/dal come dipende
e da chi
(sì insomma, ne siamo convinti,
sì, in certro modo: nel grigio s’impone
riconsiderare un’alterità)
era quasi afasia ma restavano
briciole d’onde magnetiche
che s’intessevano pur sempre in permanenza
fra corpuscoli di per sé indifferenti
ma ricercabili e di nuovo fruibili.De Chirico Piazza d'Italia
Commedia da recitarsi
In quanti atti si voglia
è ben chiaro –
nelle piazzeditalia
sui sunset boulevard,
negli snack, nei bar
affinché ci si rammenti
così ci hanno detto –
di tutti gli eventi
(di cui sopra).
leggi BRASILIA  Brasilia in pdf

____________________________________________

POETEXT

Leggi: leggi POETEXT

Paul Delvaux La Rue du tramway (1938)
Paul Delvaux La Rue du tramway (1938)
cruciverbacruciverba d’amore
Stinta vorrei vedere
l’immagine discorde, lì in trappola
impigliata sulla soglia che divide
mentre vi si raffredda l’intenzione
defalco liminare di un per dirsi
– assenza –
muto che se ne sta inchiodato alla definizione:
ma, di’, (mio tu)!, perché non m’ami?
perché tu altro non sai essere che l’ombra
del mio troppo (non?) vederti?
trasposta allora altro sarebbe
l’essenza convenuta del difetto,
d’una casella dubbia da riempire
di lettera (s)fuggita,
e colmerebbe ancora un’altra volta,
magari in controluce damascena, anche per me,
questa figura, anomalo interstizio da incrociare,
azzeccando l’inganno abbacinante
per eluder la griglia che imprigiona.
Ma ciò che insiste pure è – caso atroce –
giusto l’enigma, una parola in croce.                                                                                    
inoltre inoltre
sul bordo spartito delle cose
rimane solo di tentare
ciascuno ai suoi fatti
indivisi
Sfrangiarsi l’ordito in frammenti
di velleità inidentica (;)
sul bordo spartito della cosa
che solo di tentare rimane
ai fatti ciascuno
al di sotto
*
in mezzo da entrambi i lati
si gioca
di esserci se ci provi, rammenta.
ricoperta di dire
la rabbia
si stempera
nell’agguato di un ombra meridiana:
mancanza,
viene meno
al suo limite
improprio 
*

in media re (Perceval numero tre)

domanda
E allora non dire
la cosa
che è logica:
precede che non vuoi,
– come se nascosto il viso tra le mani –
l’onda del discorso superfluo
effimera;
tacere,
ridursi irreperibile di dirsi
che rimanere al gusto d’un’immagine:cisabelle ballu
ed ivi m’acquatto: per l’anima insidia:
esserci, nell’errore:
ultimo atto                                                                                                                      
irriverenteirriverente
(fictio)
E la deriva allora
svisato il riguardo l’assorbe
insolito sbieco
che sguscia da glabro ricordo
dell’anca, se vuoi, sollevata
velata di struscio di seta
la pelle che rapida bp
affioro allo sguardo;
la mano la striscia, vacilla,
al secco rumore del nulla;
che logora adusta frullando
s’annienta e a sé ne ritiene
che fare non può se non altro
il viscido alone s’ammalia
nell’occhio ipostatico arcano
felice in ciò che l’ipotesi
gli resta d’andare lontano
enigma d’abbaglio per gli occhi
che lì scudi lascio di stigma
in glossa alla carne che n’arde.
Che implora e svanisce.    
 *                              

anti-ipod

ant-i-Pod(e): ore d’eros
Sarebbe che dire da qui
che ora non torna
se dire vorrei che da me
ed io che non mi ricordo
……cioè…….
ma come che se lo rivedo
sfigura al momento, il migliore:
figura di dire: ma qui dove sono (?).
Ossia – mer’antipode – scaricar all’iPod,
ante rem memoriale, ore d’eros scontate
compresse nella storia virtuale
che districarle a un indizio tangibile aleatorio
frappostosi interstizio nel monotono
dover gradar per essere:
cui detratto l’identico rovescio,
imperniarlo ante litteram estrema
sul cardine immanente al variar d’ogni trapasso
che ribaltato in tal sequenza inversa
quo ante riordinato indovinarsi
opus sui specultionis.
Che mi scrollo, sereno onere, di dosso
il tacere che m’evita. E lo dico.                                                                                        
*                                                                                                                                cum ventitabas quo Valerio Catullo

 PUELLA DUCEBAT

                                                           (revelatio)

catullo1
Scoprirsi intravista,
che adesso, ecco, si scioglie: para dossi,
che segue ed accompagna, poi li doppia
con man sapiente che l’intoppo sfiora
ed asseconda, e impiccio di caviglie
liberato, infine:
dinamica proposta che il miraggio
nel balenar dell’attimo cattura.
Poi volta in prospettiva
nascondersi, rincorrersi rincaro che dilegua,Lesbia
mimandosi cercarsi
chieder la propria grazia,
riverberata allure:
e si ritira giocando che d’un piglio
fila la propria tela;
si ha:
l’abito di già docile s’indossa ancora:
ed altro non ne traggo che l’assenza
dove s’annuncia con sommesso abbaglio.                                                              

     amata nobis quantum amabitur nulla

(veritatis adspectus)

la sua trama
svestirsi
Mutanze impercettibili. Discioglie infatti lì
domande in gioie, che le declina e lieve
digradandosi ai suoi fianchi segreto si palesa
il suo sorriso che l’effonde nell’aura intrisa
dei ricami in cui s’assesta
verticale letizia sull’inerzia.
E or esimendo la fragile soglia,
muta randa che già vaga cingeva
dal costume secreto di misura,
che a eludere, profferta, si compiace,
celata essenza ch’emana d’altri spazi
e d’altre non tangibili frequenze,
pur tuttavia s’attesta. S’assicura:
scoprirsi-intravista2che inerme ancor vi intesse la scrittura,
ogni momento, ancor, della sua storia immota
tramandola all’assenza d’un evento atteso
che la registra intanto, e l’isola. Perché.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Mysterium mortis :  In articulo

(scilicet ars narrandi)
klimt-morte
narrare sul filo un confine
che ultimo non è, ma trapassa
nell’ora abolita.
s’incarna lo spirito in verbis
sfigura l’azione:
nel conto
la pone ordinata,
l’ascrive oramai, ma scontata:
le reni gli sonda ed il cuore.
congiungersi, nel tempo scemato
consunto, slabbrato potere
con ciò che voluto l’avrei
– dissidium animae
in littera nova /……/ desidia –
desidera ciò ch’è raggiunto
congiunto che gli ha la parola
col filo che fragile è pure
all’equilibrista che l’osa.
ed ivi nel gioco compone la voce rinata al silenzio
che l’ora riposa, che l’ora gli porge in parola.
Semantica dell’infinitesimo:
ventriloquo in cerca d’istanza
glossando l’intonso volume:
…forse di già nella fatal quiete………

serramannaIl vecchio Ataulfo

(po una dì chi ci seus in custa vida)
a. D.   MCMLXXIII
Il vecchio Ataulfo, assiso
al sole dell’androne
che, rifratto in frammenti
di sfuggenti ricordi, gli cuce
all’abito, ormai cieco, dignità,
sorbe un gelato vile: non il suo;
si beve l’aria che a terra lo sostiene
al viso di sue donne, di sua sposa;serramanna FS
sua, la mia: dice: memento:
in polvere, fra Civita e Granserra,
mi coglie il gorgo d’un coatto principio
declinando la propria desinenza.
biasileggi POETEXTpoetxt in pdf

_________________________

Trobar Plus

(lascito d’anima)
abelardo-ed-eloisa
Leggi Trobar Plus in pdf: leggi TROBAR CLUS (lascito d'anima)

******

Vai s’en lo tems, e perdem lo melhor !
Parlar degram ab cubertz entresens,
E, pus no·ns val arditz, valgues nos gens !
                    (Bernart de Ventadorn, Can l’erba fresh v. 46)                                                                                                *
Fratello triste, cui mentì l’Amore
che non ti menta l’altra cosa bella
(Guido Gozzano, Convito, vv. 37-38)

*

Vida, no me seas molesta,
Mira que sólo te resta,
Para ganarte, perderte
…………………
Mira que muero por verte
Y vivir sin ti no puedo,
Que muero porque no muero
             (Da Teresa de Cepeda y Ahumada, Poesias)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           *
Unica verità della mia vita,
parola per parola fammi te!
                                      (Patrizia Valduga, dal Libro delle laudi, luglio 2004)
trobador text

L’ombra d’Isotta

isotta-e-tristano
Soror dulcissima, mente te diligo,
ablato corpore. Ignosce, deprecor,
mihi insaniam, pupilla oculi
qua ego video, venusta formula.
Secretum animae solvere cupio
tuae, pulcherrima: quod solvat somnia
cogitationibus iam vero sordidis,
fictionis nebulis dum mecum maneo.
Commotus corporis tui cupidine,
nudum cospiciens mirum mirabile
fictum quod teneo intus intrinsecus,
nudam te amavero, corde purissimo:
cum esses veritas nudata ad animum,
nolo te tangere, ne tuum mysterium
totum se dissipet in nihili vacuo,
nisi ab oculis tactum me sentiam
tuis, si subrideas, qui sunt caerulei:
tanta tua gratia.
Tua tanta gratia laudetur Dominus qui tecum maneat,in veri lumune:
Eius es speculum.
n.kidman eyeswideshut Differire
Declinando in visione mie parole
spirito chiedo all’ombra, se mai parla,
e traspongo il disegno dissoluto
che fingevo, così che qui mi resto
misurando, sul margine più esposto,l'estasi  di Teresa (Bernini)
l’assillo scritto già impudentemente,
trascritto adesso in nuova ultima grazia
aspra, che mi costringe e pur mi sazia.
Vita del mio pensiero or si sospende
incautamente ai bordi della crepa,
teresa: differanceove l’anima incrini a me proibita,
da tua carne dischiusa: e vi dipani
l’allusione ove m’iteri l’epilogo
protratto.

——————————————————————————————–

klimt

filologia-della-vanità Dives Animae filia, in corde meo te duco.

(de nuptiis Amoris et Philologiae)
Soglia dell’anima che faticosa schiude,
l’esercizio più assiduo reclamando,
trapasso della mente a carne avvinta,
dovizia di figura porge, donde
incauto sollevare a te mi fingo
la veste dietro cui traspari in grazia,
insidiata però ch’è dall’eccesso
che abolisce intervallo, il più sottile.
Forma dunque derivo dal celare
impalpabile istanza ricavando:
zitto parole ruminando azzardo,
zero rendendo ciò che il dire angustoanima
altro non dà che stolido dettato.
Diffrazione esperita alla lacuna
evinco dall’errore, fortunato:
soluzione che logica sul filo
sussume desiderio ipotecato.
Aspra resta così la presunzione
negante scivolosa sconvenienza:
in simbolo contendo col fantasma  filologia
misurabile icona sul proposito;
adduco nel marasma convinzione
in ostico deposito plasmata;
nego l’escamotage d’adiaforia:
serrata summa in argomentazione
unica a me: nel corpus che, al saggiar,
cerulea mente revocato orpello
obliterato rende: inutile apparato.
Ravviso l’implicata filigrana
or che di là dal velo ti disegni occhio
tersa nella diafana figura
ignuda nel candor del vero iscritta,
inattingibile se non per congettura
ultima: e se la mente pur si placa,
certo per allentar d’arco non sana
ombra di spirito che in carne pur apprendo
archetipo miglior che originale:
inganno dell’error che non emendo.
Lezione d’accettare difficillima!
Meredecrois
meredecrix
Madre del ciel, signora dei miei giorni,
e delle notti in evocarvi spese
che d’innocenza il mio assillo s’accese
la carne e lo stupor rendendo adorni,
oggi, io prego, ricchezza mi torni,
madonna, il vano errar delle mie imprese:
che senza mutar senno siano tese
a che dotta follia non se ne scorni.
Or volge, donna mia, l’ennesimo anno
che al mio voler non so ridurre il giogo
cui mi piega di voi voglia feroce
soverchiandomi dolce del suo affanno:
nel pensiero in cui amarvi ottenga luogo
rammentatevi madre della croce!
marilyn monroe playboy
Mama ’e su celu, sennora de is dis mias,
de dogna notti spéndia a s’appillai,
chi su scinitzu ’e nocéntzia fut crai
fendu is disìggius bonas intzimias,
oi, seu preghendi, mi torrint ricchesa
madonna, is fattas mias a s’affainu:
chi punnai potzant, chene ’e mudai tinu,
a no si ’ndi scorrai macca sabiesa.
Un’annu ancora, donna, bortend’esti
chi no fatzu capia de su giuali
abi m’incrubat gana ‘e bosu aresti,
 drucci chi timu no mi sobri’ e bruxit:
in su pensu ’e s’amai deu, cun cabbali,
ammenteisì che mamma de sa cruxi!
.
.
 
 
.in ogni corpo un'anima
in ogni corpo un’anima
Anima, l’anima ti darò se tu mi guardi,
perché riposi in seno al tuo sorriso
il mio girovagare che s’avvolge
costretto come trottola impazzita
anima
Anima, s’anima mia t’intregu si mi castias,
ca in codhu de s’arrisu chi scaringias
si ’nci potzat arrimmai s’andongiu miu
trottoxendusi tottu arrolia arrollia,
apprettau chi barduffula ammacchiada.


anelito
Come una cerva verrai alla fontana
a cercar l’acqua che ti doni amore
quando cessato ne sarà il furore
di vedermi in quell’acqua,
perché per te sia vita ed a me gioia
che mi riscatti salvo dalla noia
di sapermi medesima eco strana:
sol bensì amante amato.
cerva

L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: quando verrò e vedrò il volto di Dio? Le lacrime sono mio pane giorno e notte

leggi POETEXTTrobar Plus in pdf             ___________________________________________________

Petrarchismi

leggi quileggi POETEXT 

petrarca

La vita fugge…..
la-vita-fuggeSi fuit sa vida e no si frimmat ora,
e sa morti est in fattu a apprettu mannu
e ïs cosas passadas e ïs de occannu
mi fainti gherra commenti is benidoras,
e s’arregodu e iss’abettu m’accora’,
’moi innoi ’moi innìa, chi abberu, ita dannu,
si de mei no tenessi dolu mannu,
de custus pentzus mius gi’ia-d essi in fora
Mi torra’ innanti si gosu drucci mai
primau su coru at tentu, e pusti ingunis
biu naïghendi is bentus scimbullaus;
biu temporada in portu, cansada ormai
sa ghia ’e sa nai, truncà’ s’antenna e is funis
e is ogus bellus, chi mirau, studaus.
padre del cielRVF 62
Babbu ’e su celu, appusti de is dis pérdias,
appusti ’e is nottis spéndias isvaliendi
cun su disìggiu alluttu intru arestendi,
mudau bièndimi in fattas po mei spérdias,
Tui cun su tinu tuu, si ’olis, m’appérdias
frimma sa vida abbia ’e mellus intendi,
goi chi ’e badas sa retza a isterri andendi
scorradu siat s’aremigu: e dhu imperdas.
Dexi annus sun colaus, sennori, arreu
incrubau sutta a unu giuali ’e fogu
chi a is prus detentus est beru chi prus bruxi’:
perdona s’arrebbatu indinnu meu;
torra is pentzus fadhendi a mellus logu:
ammentasidhi cumenti oi fiast in cruxi
arqua1RVF  234
O apposentedhu chi giai fiasta portu
a is mengianus de malas temporadas  mitza immoi ses de is prantus ‘e is nottadas
ch’ addedì bregungiosu cuadus portu.
O lettixedhu ’e paxi già e coffortu
in s’assuppu, d’itta urnas addoliadas
ti iffundi’ amori  cu is manus marfiladas
chen’ ’e dolu a mei scétti fendi tortu!
Ne su secretu o su pasiu miu fuu,
ma mei etottu e issu pentzamentu
chi sighendidhu, abborta artziau m’a’ in bolu;
e sa genti, chi m’est nemigu cruu,
– a dhu pensai! – commenti e amparu appentu:
gai seu timendi ’e m’agattai de assolu.
l'infinitoSu Stremenu
(L’infinito)
Stimau sempr’appu cust’èrema sedha
e sa crisuri, chi  una parti meda
de s’úrtimu fundali esclui’ a s’oghiada.
Ma sétziu innoi castiendi, istremenadus
logus in palas d’issa, e mudïori
adhia ’e s’umanu, e asséliu isfundoriau
mi figur’ eu in su pensu; abi aggiumai
su coru si ’nci ispanta’. E in ca su bentu
frusendi ascurtu in custas mattas, deu cudhu
mudïori fungudu a custa boxi
seu cumparendi: e’nci appillats’eternu
e sa simana morta, e sa de oi
e biva e is sonus d’issa. Aicci in tottu
custu immensu su pensu miu s’imbergit:
e a m’acciuvai m’est drucci in custu mari


Tanto gentile e tanto onesta pare
Tantu genili e onesta e’ a s’avveraiTanto gentile e tanto onesta pare
sa donna mia cand’átteru saluda’
ch’ogni lingua tremendi torrat muda
e s’ogu no s’attrivi’ a dha castiai.
Issa si ’nci anda’ a s’intendi alabai
beninna ’estida d’umilesa in muda
e cosa bénnia parit, chene duda,
de celu innoi miraculu a ammostai.  dante-e-beatrice
Chini dha mira’ aicci si ’ndi prexa’
chi ’e is ogus recci’ in coru unu durciori
chi scî no podit chini no dhu proat,
e de is laus suus parit chi ’ndi moat
un’ispíritu léviu prenu ’e amori
chi andat narendi a s’ánima ‘susprexa!’.
.
.

Ammeriai

presso un rovente muro d'ortoAmmeriai in meledu isciortu
próbiu unu muru scallentau d’ortu
ascurtai mein s’orrù e me’ is scrarías
tzoccu ’e meurras, frúsiu ’e tzrepías.
Me’ is crebadas ’e sa terra e in sa faiccedha
sminciai arrúbias is rias de frommigas
ch’immoi si segant e immoi si trobedhant
me’ is cuccuredhus pitticcus de is bigas.
E pramizai diattesu intra de is mattas
su mari assuppendi in iscattas
mentris si pesant tzirrícchius tremuaus
de cixa ’e is cuccurus scuccaus.
voltati, eugenio
E in s’alluinu ’e su soli chi scalla’
attuai cun trista meravilla
comment’esti sa vida su traballu
de andai arreu ororu ’e una muralla
spraxa in pitzu de bícculus d’ampulla.

_______________________________________________________________________________________________________________

Teresa d'Avila1

Traduzioni da Patrizia Valduga


colomba

Chene cruxi a essi posta in cruxi asua

è’ a mi sapiri ’e mei adasïada,

m’ispadriai a boxi sua.

Mi bolit scartarada,

issu, e in poderíu,

ma impari in cruxi a su praxeri miu.

(traduzione da P. Valduga Lezione d’Amore – Einaudi)


TdLempicka3

valduga Pietta ’e su tempus, deu, chemu callauvalduga 5

de tempus mai esistíu,

po tui unu pagu stuu cantu carriau

portu ’e doveri e déppidu infiníu,

annúggius, arregodus, melopeas,

tottu is tzérrius de pudhu de is bideas…

Portaminci cun tui, stringimi forti,Teresa d'Avila 11

portam’attesu ’e tottu custa morti.

(traduzione da P. Valduga Lezione d’Amore – Einaudi)


valduga E sempri cussa manu in fronti a contus…

e s’attra, aicci, innía, dus didixedhus …valduga

e candu cunnu e conca funti prontus

prenadhus tui de minca e de fuedhus.

(P. Valduga, Manfred, Milano, Mondadori, 2003)

********


Non vivo più morentemente, amore:

No bivu prus morindiminci, amori:

valduga 3vivo tutta viva: vivo di te!

bivu deu seu bivendi: bivu ’e tui!

Amore, amore mio senza parola,

Amori, amori miu chen’ ’e fuedhu,

tutto è desolazione senza te!

Totu s’est eremadu chen’ ’e tui!

Amore immoto, amore senza fiato,teresa d'Avila 12

Amori tétiu, amori chen’alenu,

oh non lasciarmi orfana di te!

ohi no mi lessis òrfanu de tui!

Amore padre, amore oltre ogni amore,

Amori mama, adhia de dogn’amori,

io sono senza senso senza te!

chen’ ’e sentidu abarru chene ’e tui!

Unica verità della mia vita,

Unica beridadi ’e custa vida,vallduga 2

parolaper parola fammi te!

pèraula po pèraula faimì a tui!

(Patrizia Valduga, dal Libro delle laudi, luglio 2004)

valduga e raboni

addolorata

 Petrarchismi leggi AKHRONOS (DI-(A))KHRONOS
_____________________________________________________________________________________________________________
(a)kronos
((di-) a­­-)kronos
Leggi: leggi AKHRONOS (DI-(A))KHRONOS
malinconia
psicomatismi
(tempus & aliud a un’ipostasi)
malinconia
E basta, shut up, ça suffit: e dai, per ora che ti ridici,
ch’è come se strapparsene di nuovo doppiamente
e non risulta dimensione esatta:
ed io? e allora?
sconverge ora cercarti che non torna
– né rime né brame né lume:
ci sei fra le trame stramate, perché sol mi ricordi
che solo ricordo e non sono più qui
per stare ancor lì, quant’ore sciupate: non sei.
E m’impiglio stentando; rivederci ci provo
a lume di viso agognato, figura
che oh sì non so come dire mi strugge
banale romantico:
surplus.
Che l’anima perfino vi pretendo, ma tant’è.
Non essere allora può essere meglio pur anche scontato,
affogare nel gelo tacendo e rimemorando. Pazienza.
E sì, pazienza ci vuole.
E di stucco.
Che pur lo sapevo, pensarci, che non può
se non che svanire, è il clichè:
ecc. ecc.
L’ultima menzogna
everyman (Everyman)
Certo va pure trovato quel fine,
lo dicono, e magari ci s’illude
che ce lo porti in mano la corrente
della vita, ed in vero la natura
dovrebbe riportarci al suo richiamo:
ma il fatto è pure che la vita sogna.
Va fatto tutto quello che bisogna,
è  questo certo il punto alla fin fine.
Sì, ma è questione d’ordine, e il richiamo
è più d’uno, l’amore che m’illude
per esempio, ed il tempo a sua natura
si puntualizza in furia trascorrente.
Ora mi trovo qui con l’occorrente,
e pare che mi mettano alla gogna.
Com’è che penso – quasi si snatura –
ch’io tutto resti fermo, e tutto fine
fine si muova intorno a me, e m’illude
abbagliato alla luce d’un richiamo?
Come vedessi di sbieco nel richiamo
d’uno specchio il mio viso concorrente
che con faccia di suola disillude
a poco a poco pure la vergogna.
Ma è pure è giusto che vi metta fine.
Che vengo a dire? E dunque a mia natura
mi metto a raccontare la natura
di quello che è successo, e richiamo
una parola che mi paia fine
e sia bastante a imbrigliar la corrente
di tutto quanto questa storia agogna,
sospeso su di un filo in cui s’illude
tale peripezia: perché, chi illude
il bandolo, funzione, la natura:
che non si dica che solo una carogna
io sia? Ventriloquo frugo il richiamo
e l’istanza che dentro, ricorrente,
mi parla dalla soglia, sul confine
in cui è imminente il quid dell’amor fine,
aliena grazia che ordina e che illude,
come una scossa viva di corrente
elettrica, e riscuote la natura
d’un desiderio che mi fa richiamo
e dice «io (…?.)» nell’ultima menzogna.
 
Leggi (a)khronos ((di-) a-)khronos in pdf leggi POETEXT
__________________________________________________________________
___________________________________________________________________

klimt-11

serpente-che-si-morde-la-coda: coincidenza degli estremiIn cauda principium
In my beginning is my end
I.
Mare notturno e chiaro plenilunio:
corre il mare un naviglio
e lo percuote, incerto – è il cuore –
che asseconda l’appello
notturno nel tremare.
Va, quasi sagoma di cartone,
irresoluto figlio del timore
cercando uno spiraglio
che del vero riporti all’amore.
Profilo d’un rêve d’antan,
incede prepotente
nell’acceso tramonto marino:
sul mare turchino profondo,
un grido secondo intercetta, disperso,
che paziente il suo verso ripete
a dannarsi appagato
d’eleggere il confino del mondo inusitato
domicilio.
II.
Buio.
Grattaceli sagomati,
indistinte oscure illusioni:
orgoglio.
Alti,
gioia da giù
lassù in cima,
pianto di risa dall’alto.
Agghiaccianti striature;
solcano il buio sprazzi di luce:
orridi.
Piange di risa
chi da lassù guarda;
la sconnessione di due mani,
modulati accenni
degli stenti del cuore,
fra i capelli,
ebbre lacrime irridenti
il riso che non muore; e che si duole,
fra immensi puntini, accecanti, nell’occhio.
Ahi, chi ti vide, Signore!
iii
España,
quante volte ti vedo,
ti conosco, ti saluto, ti amo,
ti presenti:
una giovane donna
morbida, ma pur vigorosa
che scioglie le chiome per la tua calura.
Ti guardo, sempre,
appena odo il tuo grido
impellente che mi sradica di qui,
mi porta trascinante rivolvendomi
arrantolato per la terra di polvere bianca.
España,
nel tuo sole di mezzogiorno
vedo portar alla bocca
borracce d’acqua
i contadini,
le mani alla fronte:
si tergono il sudore,
si tendono con gli occhi
schermati dalle dita tese
contro il bagliore che acceca
i campi;
odo nella tua quiete meridiana
propagarsi le campane
di Malaga, di Sevilla, di Madrid:
irrompono nell’aria stagnante,
arrestata,
come da un’antica maledizione,
per il cielo sospeso
di azzurro limpido;
ti grava sulle spalle;
no, non ti lascia respiro,
mi stronchi la vita.
España,
per i tuoi patii imbiancati
ci sono io,
mi vedrai cantare a te là
su quell’arena deserta
ove ancora risuonano
le grida dei folli,
ove giacciono i sogni
di tutti.
España, España, España,
potessi tu portarti qui da me,
ma sei immobile
nella tua calura,
nella tua grandezza fastosa,
nei tuoi canti, nei tuoi
ori rilucenti.
España, España, España,
la mia voce ti giunga,
ma non odi il mio strazio.
España, potessi io
portarmi da te!
Oh, España,
quante grida per le tue piazze chiassose:
c’è pure la mia, se ascolti.
(En la moza soledad de mi Caller 1966)
klimt
BLOGS-ITALIA.COM: Directory Blog Italiani
BLOGS-ITALIA.COM: Directory Blog Italiani http://www.blogs-italia.com/
klimt-nuda-veritas
BLOGS-ITALIA.COM  Directory Blog Italiani
betile-i.e.-spes
LEGGI:
Brasilia leggi
POETEXT leggi
Trobar plus (lascito d’anima) leggi
petrarchismi leggi

akhronos ((di )-a)khronos leggi




wp-jmoore-r  powered by wordpress
teresadea madre

Roma: chiesa Dives-in-misericordia

Una risposta a “Scritture

  1. Pingback: 2010 in review | Presnaghe's Blog di Maurizio Virdis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...