Apitz’ ‘ e una lìtera no iscrita (E. Montale)

Eugenio Montale: Apitz’ ‘e una lìtera no iscrita  //  Su una lettera non scritta

Po unu formìngiu ‘e obrèscidas, po pagus
filus aba che a dillu
ferit su frocu ‘e sa vida e s’apodhant
in dis e annus, oi is grofinus a crobas
furriotant cun is fillus? ch’eu, oh, no intenda
nudha de tui, e mi fua de s’alluinu
de is cillus tuus. Giai dhoi at atru in terra.

No sciu a sparessi o torra a m’incarai;
trigat su fraili ammurau
de sa noti, giai s’allònghiat su seru,
sa pregaria est martùriu e no ancora
intr’ ‘e is roccas pesadas, a tui est lòmpia
de su mari s’ampulla. S’unda, bùdia,
si segat in sa punta, in Finisterre.

*

Per un formicolìo d’albe, per pochi
fili su cui s’impigli
il fiocco della vita e s’incollano
in ore e in anni, oggi i delfini a coppie
capriolano coi figli? Oh ch’io non oda
nulla di te, ch’io fugga  dal bagliore
dei tuoi cigli. Ben altro è sulla terra.
Sparir non so né riaffacciarmi; tarda
la fucina vermiglia
della notte, la sera si fa lunga,
la preghiera è supplizio e non ancora
tra le rocce che sorgono t’è giunta
la bottiglia dal mare. L’onda, vuota,
si rompe sulla punta, a Finisterre.
Da Eugenio Montale, L’opera in versi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: