SINTESA

SINTESA

CARATTERI E STRUTTURE FONETICHE, FONOLOGICHE E PROSODICHE DELLA LINGUA SARDA. IL SINTETIZZATORE VOCALE SINTESA.

A cura di Riccardo Mura e Maurizio Virdis

Condaghes Edizioni, Cagliari, 2015  –  ISBN 978-88-7356-271-9

SINTESA-1

 

Presentazione

di Francersco Cheratzu

IL PROGETTO

I sistemi di sintesi vocale (meglio noti nel settore con l’espressione inglese Text-to-Speech systems, da cui l’acronimo tts) sono delle applicazioni informatiche che riproducono il linguaggio umano a partire da un testo scritto.
Dai primi sintetizzatori elettronici degli anni Sessanta, i sistemi tts
sono notevolmente migliorati e hanno ormai raggiunto un buon livello di verosimiglianza e comprensibilità, anche grazie alla sperimentazione di diverse metodologie di analisi, acquisizione, concatenamento e riproduzione della voce umana.
Attualmente, con l’esponenziale progresso e diffusione dei sistemi
informatici, le applicazioni di sintesi vocale hanno acquisito un’importanza strategica e cominciano a essere utilizzate da un numero sempre maggiore di persone. Basti pensare alle comunicazioni di servizio nel sistema dei trasporti, ai risponditori automatici dei centri di assistenza e ai servizi informativi degli operatori telefonici, ai navigatori gps, ai videogiochi interattivi, ai sintetizzatori musicali, ai siti web e a tutte le applicazioni che consentono di ascoltare un testo (un bollettino, un articolo di giornale, un libro…). Questi sistemi sono poi di grande utilità per le persone ipovedenti, per chi ha difficoltà alla lettura (analfabeti, dislessici, bambini in età prescolare) e per chi è affetto da varie disfunzionalità dell’apparato fonatorio. Inoltre, i sintetizzatori vocali costituiscono la base d’implementazione dei sistemi di riconoscimento vocale, con i quali possono essere integrati per creare sistemi complessi di comunicazione uomo-macchina o tra persone con disfunzionalità comunicative (uomo-macchina-uomo). Combinando un sistema di riconoscimento vocale con un traduttore automatico e un sintetizzatore vocale si realizza un interprete automatico utile per effettuare conferenze, in presenza o a distanza, tra persone di lingue diverse. 

Sa chirca
Su progetu de chirca de base “Caratteri e strutture fonetiche, fonologiche
e prosodiche della lingua sarda” de s’Universidade de Casteddu est unu traballu innovativu meda pro sa limba sarda e ponet impare, fortzes pro sa prima borta in Sardigna, diversas disciplinas linguìsticas e informàticas.
Su fatòrgiu s’est isvilupadu in duos annos – dae su 2013 a su 2015 – e at impignadu, a tìtulu diferente, una deghina de persones. Su risultadu
prus figurosu est chi, pro sa prima borta, unu computer podet faeddare
in sardu partende dae s’iscritura, fintzas si est unu protòtipu. Pro dda
nàrrere in un’àtera manera, como su sardu tenet unu sintetizadore vocale TTS (Text To Speech, est a nàrrere ‘dae su testu a s’allega’) isperimentale chi amus numenadu sintesa (sintetizadore de sa limba sarda). Si podet bìdere, e intèndere, in su giassuhttp://www.sintesa.eu.
Custu no est unu risultadu de pagu contu, ca non sunt meda sas limbas
in su mundu chi tenent ainas de custa genia. Segundu Ethnologue (www.
ethnologue.com), sas limbas classificadas in su mundu sunt prus de sete
mìgia. Sas limbas suportadas cun sintetizadores in sos smartphones sunt
pagu prus o mancu una barantina. Ddo’at però una sèrie de sintetizadores isperimentales e contende cussos mentovados in Wikipedia (in sa pàgina https://en.wikipedia.org/wiki/Comparison_of_speech_synthesizersarribamus a chimbantaghimbe limbas (non semus contende sas variantes de sas limbas prus ispartzinadas in su mundu che a s’inglesu, s’ispagnolu, su portoghesu o su frantzesu). Si abarramus largos e ponimus setanta, podimus afirmare tando chi su sardu faghet parte de s’unu pro chentu de sas limbas de su mundu chi tenent unu sintetizadore vocale.
Amus naradu chi custu est su risultadu prus figurosu, ma ddo’at unu risultadu prus mannu meda chi abarrat “cuadu”: est totu su traballude chirca chi at permìtidu de fabbricare su programma e chi est ispricadu in sos capìtulos chi sighint. Su computer est una màchina complicada meda, ma est semper unu “eletrodomèsticu” chi depet tènnere istrutziones pro funtzionare. Sas istrutziones cherent codificadasin programmas rispetende règulas pretzisas. E custas règulas cherent istudiadas e iscritas in manera unìvoca. Fintzas a immoe, nemos aiat aguantadu un’istùdiu de sa fonètica sarda in unu modu gasi sistemàticu: pro iscrìere sas règulas chi permitint a una màchina de “chistionare” in una limba, sos fenòmenos fonèticos, fonològicos e prosòdicos de cussa limba cherent abrancados in manera cumpleta si nono s’efetu finale no est atzetàbile. Naradu cun àteras paràulas, sa descritzione “bastante cumpleta” de sa limba depet èssere a intro de su computer pro ddi permìtere de furriare sos testos in sonos intellegìbiles e atzetàbiles dae una persone chi connoschet su sardu. Est craru chi su traballu no est perfetu, e no est mancu agabbadu, ca sas limbas sunt sistemas complicados, ma sas fundamentas pro andare a in antis sunt istadas postas. Su progetu est fintzas unu sinnale importante de rinnovamentu de sa linguìstica sarda chi istentat galu a atzetare metodologias innovativas.

Continua  a Leggere 

Introduzione. Fonetica e fonematica della lingua sarda.

di Maurizio Virdis
Il lavoro di ricerca e analisi fonetica relativo e finalizzato alla realizzazione del progetto Caratteri e strutture fonetiche, fonologiche e prosodiche della lingua sarda – finanziato dal Dipartimento di Filologia Letteratura e Linguistica dell’Università degli Studi di Cagliari con i fondi della Regione Autonoma della Sardegna, Legge Regionale n° 7 del 7 agosto 2007 sulla Promozione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica in Sardegna – e mirante alla realizzazione del sintetizzatore vocale
della lingua sarda (Sintetizzatore Sardo, o Sintesa, come lo si è voluto denominare) ha portato in luce dati e fenomeni di rilevante importanza nel campo della fonetica della lingua sarda, pur essendosi tale analisi dovuta, forzatamente, limitare ai dati del parlato di due soli informatori (M 55 anni e F 16 anni di Scano di Montiferro/Iscanu, OR), che hanno prestato la loro voce per le operazioni di sintesi vocale del sintetizzatore.
Si è ora infatti in grado di dire, grazie al preciso e accurato lavoro
analitico di Riccardo Mura, i cui risultati vengono presentati qui
di seguito, qualcosa di più certo nei confronti della durata vocalica
e sillabica in Sardo, e delle sue svariate e diversificate realizzazioni
nelle differenti situazioni contestuali; e inoltre delle diverse realizzazioni delle consonanti – occlusive in primo luogo, ma non solo – e della loro durata: punto nevralgico e finora non pienamente indagato della fonetica del Sardo. Ma pure si sono raccolti dati sul comportamento delle vocali medie nei diversi contesti fonosintattici, sia dal punto di vista articolatorio (metafonesi e fenomeni affini come dato unificante) che da quello della lunghezza. Tutto ciò in modo tale da avere un quadro più preciso dell’aspetto fonetico e fonemico della lingua sarda. Particolarmente innovativo è anche il lavoro sperimentale di analisi e rappresentazione dei principali schemi ritmici e intonativi della lingua. Si è indagato inoltre sulla fonosintassi e sui fenomeni di variabilità aessa connessi, nonché sui rapporti, talvolta anche assai complessi, che intercorrono fra il piano propriamente fonetico e quello fonemico del Sardo e la loro rappresentazione in una ortografia standardizzata, che è quella della lsc (Limba Sarda Comuna), che qui si è scelto, e che al momento opera ancora entro un quadro provvisorio e sperimentale, e da meglio definire. Innanzitutto è da sottolineare la ricerca e i risultati analitici riguardo le consonanti occlusive. Viene ribadita l’assenza di una opposizione / scempia/ ~ /geminata/: le occlusive non-sonore del Sardo risultano essere realizzate, da un punto di vista fonetico, come delle semi-geminate con una lunghezza minore rispetto alle geminate dell’Italiano e anche rispetto alle geminate grafiche del Sardo (quelle cioè che hanno valore oppositivo e sono rappresentate in grafia: ss, dd, ll, nn, mm). Questa opposizione si verifica semmai nella serie sonora, dove le occlusive si oppongono alle approssimanti dello stesso punto di articolazione. Da un punto di vista diacronico, l’opposizione originaria latina /P, T, K/ ~ /PP, TT, KK/, ossia l’opposizione /-continua, -sonora, -lunga/ ~ /-continua, -sonora, +lunga/, si realizza come /-continua, -sonora/ (che in contesto posvocalico si realizza come semi-geminata (semi-lunga)) ~ /+continua, +sonora/, vale a dire che si generano le seguenti opposizioni fonematiche: /p/ ~ /β/, /t/ ~ /δ/, /k/~ /ɣ/. Da un punto di vista sistematico fonemico, a livello sincronico, abbiamo una doppia serie consonantica occlusiva (/-continua/): la serie /-sonora/ e la serie /+sonora/: /p, t, k/ e /b, d, ɡ/. Se la serie /-continua, +sonora/ ha una corrispondente serie /+continua/, la serie /-continua, -sonora/ non ha una serie corrispondente. In altre parole, se la serie delle occlusive sonore /b, d, ɡ/ si oppone alla serie delle approssimanti /+continua, +sonora/ /β, δ, ɣ/, la serie occlusiva sorda /p, t, k/ non ha una contropartita in una serie approssimante /+continua, -sonora/. Un sistema che apparirebbe dissimmetrico. Sarebbe forse a questo punto il caso di fare una specificazione: in realtà potremmo considerare quelle che abbiamo fin qui chiamato approssimanti sonore /β, δ, ɣ/ come realizzazionefonetica delle sonore scempie /b, d, ɡ/, mentre quelle che abbiamo fin qui chiamato occlusive sonore sarebbero delle occlusive (semi-)geminate /bb, dd, ɡɡ/ [ᵇᵇ, ᵈᵈ, ᶢᶢ]. In tal caso dovremmo dire allora che mentre per le sonore abbiamo una opposizione /scempia/ ~ /geminata/, per le non-sonore invece non abbiamo una tale opposizione, dandosi soltanto la serie /p, t, k/ foneticamente realizzata come serie [-sonora, semi-geminata]: [ᵖᵖ, ᵗᵗ, ᵏᵏ], senza che vi sia una corrispettiva serie non-sonora scempia [p, t, k]. Ma dell’opposizione /scempia/ ~ / geminata/ nella serie delle occlusive non-sonore, in Sardo, dovremo fra breve riparlare. Se in queste pagine introduttive ci atteniamo alla ma soluzione interpretativa qui proposta del sistema fonematico sardo, cioè a una opposizione /β, δ, ɣ/ ~ /b, d, ɡ/ ([+sonora, +continua] ~ [+sonora, -continua]), piuttosto che alla seconda, cioè /b, d, ɡ/ ~ /bb, dd, ɡɡ/ (/+sonora, -lunga/ ~ /+sonora, semi-lunga/), ciò facciamo sia per ragioni di rispetto della tradizione degli studi di fonetica (storica) sarda, sia perché l’opposizione /scempia/ ~ /geminata/ è problematica in Sardo: più che di vere e proprie geminate si tratta di semi-geminate, come abbiamo visto e vedremo ancora. Va aggiunto peraltro che il rendimento dell’opposizione /β, δ, ɣ/ ~ /b, d, ɡ/ è in Sardo alquanto basso (prossimo allo zero), mentre più alto rendimento ha l’opposizione /p, t, k/ ~ /β, δ, ɣ/ che è l’esito, nella più gran parte delle parlate sarde, di una originaria opposizione latina (e/o protoromanza) /pp, tt, kk/ ~ /p, t, k/, per fenomeno di lenizione, che porta le originarie occlusive nonsonore latine /p, t, k/ appunto ad approssimanti sonore /β, δ, ɣ/ (p. es.:
ACETUM > [aˈɣeːδu], NEPOTEM > [nɛˈβɔːδɛ]). Continua  a Leggere 

Indice

Presentazione ………………………………………………………………….. 7
Il progetto ………………………………………………………………………..7
Sa chirca (Francesco Cheratzu)……………………………………………. 9
Introduzione. Fonetica e fonematica
della lingua sarda (Maurizio Virdis) ……………………………………. 13
1. Premessa metodologica (Riccardo Mura)………………………….. 31
1.1. Quale sardo……………………………………………………………….. 31
1.2. Le fasi operative e la metodologia della ricerca………………… 33
1.3. L’ambiente di sviluppo informatico (Massimo Cireddu)…….. 35
2. Foni, fonemi e sillabe (Riccardo Mura) …………………………….. 39
2.1. Vocali ………………………………………………………………………. 42
2.2. Adeguamento vocalico ……………………………………………….  48
2.3. Durata dei vocoidi ……………………………………………………… 56
2.4. Consonanti ………………………………………………………………  62
2.5. Durata dei contoidi ……………………………………………………  70
2.6. Strutture sillabiche …………………………………………………..   79
2.7. La trascrizione fonetica per SINTESA …………………………… 85
2.8. Implementazione informatica (Massimo Cireddu) ………….  88
3. Trascrizione delle parole (Riccardo Mura) ……………………….  97
3.1. Problemi nella trascrizione fonetica in IPA ……………………. 98
3.2. Un esempio di fonodizionario sardo …………………………..   103
3.3. Problemi nella trascrizione fonetica per SINTESA …………. 109
3.4. Un estratto del fonodizionario per SINTESA ………………..  116
4. Fonetica sintattica (Riccardo Mura) ………………………………. 123
4.1. Consonanti finali  ……………………………………………………. 123
4.2. Consonanti iniziali ………………………………………………….. 133
4.3. Geminazione sintagmatica delle consonanti …………………  138
4.4. Altri fenomeni fonosintattici …………………………………….. 145
4.5. Implementazione informatica (Massimo Cireddu) ………… 150
5. Accento e intonazione (Riccardo Mura) ………………………… 169
5.1. Ritmo e accentazione ………………………………………………. 170
5.2. La scansione ritmica delle frasi in SINTESA ………………… 173
5.3. Intonazione …………………………………………………………..  178
5.4. I modelli intonativi per SINTESA ……………………………… 193
5.5. Implementazione informatica (Massimo Cireddu) ……….. 201
6. Collaudo del prototipo (Daniela Boeddu) ……………………… 215
6.1. Prima fase: pronuncia di parole non indicizzate …………… 215
6.2. Seconda fase: pronuncia di parole indicizzate ……………… 217
6.3. Terza fase: pronuncia di frasi indicizzate …………………… 222
6.4. Quarta fase: pronuncia di frasi non indicizzate …………… 224
6.5. Quinta fase: retest …………………………………………………. 227
6.6. Problemi risolti ……………………………………………………. 228
6.7. Problemi noti ………………………………………………………. 229
7. Possibili sviluppi e utilizzi (Roberto Bolognesi) …………….. 233
Bibliografia e sitografia ……………………………………………….. 237

SINTESA-1

Condaghes Edizioni, Cagliari, 2015  –  ISBN 978-88-7356-271-9

Modifica

  • L’ANIMA TI DARÒ

    Anima, l’anima ti darò se tu mi guardi
    perché riposi in seno al tuo sorriso
    il mio girovagare che s’avvolge
    costretto come trottola impazzita
    ***
    Anima, s’anima mia t’intregu si mi castias,
    po ca in codhu ’e s’arrisu chi scaringias
    si ’nci potzat arrimmai s’andongiu miu
    trottoxendusi tottu arrolia arrollia,
    apprettau chi barduffula ammacchiada.

  • TWITTER PRESNAGHE

  • PIÙ CLICCATI

  • INTERVISTA

  • VIA NATALE

  • CASA NATALE

  • FINESTRE NATALI DI CASA NATALE

    http://picasaweb.google.com/virdismaurizio/PreSnakeRapsodiaInVerde?authkey=Gv1sRgCN6lv_jk4KLlTw#5565842301002233794
  • PORTA CAVALLEGGERI IN DIPINTO DI ETTORE RÖSLER FRANZ DEL 1895

  • ROMA – PORTA CAVALLEGGERI (PORTERULA AD TURREM LANGOBARDORUM), OGGI

  • HIC (N)OMEN HABUI

  • KARALIS

  • ANIMAE DIMIDIUM MEAE

  • UNIVERSITAS KARALITANA – HUMANITATES

  • CA -25.VIII.2010 (AIPI)

  • dicembre: 2015
    M T W T F S S
    « Jul
    1 2 3 4 5 6
    7 8 9 10 11 12 13
    14 15 16 17 18 19 20
    21 22 23 24 25 26 27
    28 29 30 31
  • ARTICOLI RECENTI

  • L’ULTIMA MENZOGNA. EVERYMAN.

    Certo va pure trovato quel fine,
    lo dicono, e magari ci s’illude
    che ce lo porti in mano la corrente
    della vita, ed in vero la natura
    dovrebbe riportarci al suo richiamo:
    ma il fatto è pure che la vita sogna.

    Va fatto tutto quello che bisogna,
    è questo certo il punto alla fin fine.
    Sì, ma è questione d’ordine, e il richiamo
    è più d’uno, l’amore che m’illude
    per esempio, ed il tempo a sua natura
    si stinge via con furia trascorrente.

    Ora mi trovo qui con l’occorrente,
    e pare che mi mettano alla gogna.
    Com’è che penso – quasi si snatura –
    ch’io tutto resti fermo, e tutto fine
    fine si muova intorno a me, e m’illude
    abbagliato alla luce d’un richiamo?

    Come vedessi di sbieco nel richiamo
    d’uno specchio il mio viso concorrente
    che con faccia di suola disillude
    a poco a poco pure la vergogna.
    Ma è pure è giusto che vi metta fine.
    Che vengo a dire? E dunque a mia natura

    mi metto a raccontare la natura
    di quello che è successo, e richiamo
    una parola che mi paia fine
    e sia bastante a imbrigliar la corrente
    di tutto quanto questa storia agogna,
    sospeso su di un filo in cui s’illude

    tale peripezia: perché, chi illude
    il bandolo, funzione, la natura:
    che non si dica che solo una carogna
    io sia? Ventriloquo frugo il richiamo
    e l’istanza che dentro, ricorrente,
    mi parla dalla soglia, sul confine

    in cui è imminente il quid dell’amor fine,
    aliena grazia che ordina e che illude,
    come una scossa viva di corrente
    elettrica, e riscuote la natura
    d’un desiderio che mi fa richiamo
    e dice «io (…?.)» nell’ultima menzogna.

  • LEGS

  • NUDO

  • TERESA

  • TERESA

  • TERESA

  • PIN UP 60

  • URBS

  • GESTIONE BLOG

  • DIFFERIRE

    Declinando in visione mie parole spirito chiedo all’ombra, se mai parla, e traspongo il disegno dissoluto che fingevo, così che qui mi resto misurando, sul margine più esposto, l’assillo scritto già impudentemente, trascritto adesso in nuova ultima grazia aspra, che mi costringe e pur mi sazia. Vita del mio pensiero or si sospende incautamente ai bordi della crepa, ove l’anima incrini a me proibita, da tua carne dischiusa: e vi dipani l’allusione ove m’iteri l’epilogo protratto.
  • ROMA:PORTA CAVALLEGGERI.

  • CUM VENTITABAS QUO PUELLA DUCEBAT (REVELATIO)

    Scoprirsi intravista,
    che adesso, ecco, si scioglie: para dossi,
    che segue ed accompagna, poi li doppia
    con man sapiente che l’intoppo sfiora
    ed asseconda, e impiccio di caviglie
    liberato, infine:
    dinamica proposta che il miraggio
    nel balenar dell’attimo cattura.
    Poi volta in prospettiva
    nascondersi, rincorrersi rincaro che dilegua,
    mimandosi cercarsi
    chieder la propria grazia,
    riverberata allure:
    e si ritira giocando che d’un piglio
    fila la propria tela;
    si ha:
    l’abito di già docile s’indossa ancora:
    ed altro non ne traggo che l’assenza
    dove s’annuncia con sommesso abbaglio.

  • ROMA: PORTA CAVALEGGERI

  • AMATA NOBIS QUANTUM AMABITUR NULLA (VERITATIS ADSPECTUS)

    Mutanze impercettibili. Discioglie infatti lì
    domande in gioie, che le declina e lieve
    digradandosi ai suoi fianchi segreto si palesa
    il suo sorriso che l’effonde nell’aura intrisa
    dei ricami in cui s’assesta
    verticale letizia sull’inerzia.
    E or esimendo la fragile soglia,
    muta randa che già vaga cingeva,
    dal costume secreto di misura,
    che a eludere, profferta, si compiace,
    celata essenza ch’emana d’altri spazi
    e d’altre non tangibili frequenze,
    pur tuttavia s’attesta. S’assicura:
    che inerme ancor vi intesse la scrittura,
    ogni momento, ancor, della sua storia immota
    tramandola all’assenza d’un evento atteso
    che la registra intanto, e l’isola. Perché.

  • VENUS

  • IN ARTICULO

    narrare sul filo un confine
    che ultimo non è, ma trapassa
    nell’ora abolita.
    s’incarna lo spirito in verbis
    sfigura l’azione:
    nel conto
    la pone ordinata,
    l’ascrive oramai, ma scontata:
    le reni gli sonda ed il cuore.
    congiungersi, nel tempo scemato
    consunto, slabbrato potere
    con ciò che voluto l’avrei
    – dissidium animae
    in littera nova /……/ desidia –
    desidera ciò ch’è raggiunto
    congiunto che gli ha la parola
    col filo che fragile è pure
    all’equilibrista che l’osa.
    ed ivi nel gioco compone la voce rinata al silenzio
    che l’ora riposa, che l’ora gli porge in parola.
    Semantica dell’infinitesimo:
    ventriloquo in cerca d’istanza
    glossando l’intonso volume:
    …forse di già nella fatal quiete………

  • TERESA

  • KETTY THE GREAT (DUCCIO)

  • VALE

  • LA MORTE CO LA CODA

    Qua nun ze n’esce: o semo giacubbini,
    o credemo a la lègge der Signore.
    Si ce credemo, o minenti o paini,
    la morte è un passo che ve gela er core.

    Se curre a le commedie, a li festini,
    se va pe l’ostarie, se fa l’amore,
    se trafica, s’impozzeno quadrini,
    se fa d’ogn’erba un fascio… eppoi se more!

    E doppo? doppo viengheno li guai.
    Doppo c’è l’antra vita, un antro monno,
    che dura sempre e nun finisce mai!

    È un penziere que mai, che te squinterna!
    Eppuro, o bene o male, o a galla o a fonno,
    sta cana eternità dev’èsse eterna!

    Giuseppe Gioacchino Belli

  • OBLUNGO

  • OBLARGO

  • GUCCIONE: RIFLESSI SULLA SPIAGGIA

  • PIERO GUCCIONE: L’OMBRA DELL’ESTATE

  • PERLUNGO BB

  • BB

  • PIERO GUCCIONE: AMORE

  • P.GUCCIONE:NEL PORTO DI MESSINA (1993-1996)

  • EDWARD HOPPER: SUMMER INTERIOR

  • E. HOPPER: ROOMS BY THE SEA

  • EDWARD HOPPER: PEOPLE IN THE SUN

  • E. HOPPER: ENTRANDO IN UNA CITTÀ

  • FIGURA FEMMINILE

  • SO NEAR SO FAR

  • CA – 25.VIII.2010 (AIPI)

  • SARDITAS

  • COMMENTI

    con gli occhiali di… su Matteo Madao e la questione de…
    Maurizio Virdis su Sa limba tocare solet inue sa…
    Raffaele Felce su Sa limba tocare solet inue sa…
    Maurizio Virdis su Sa limba tocare solet inue sa…
    nanni falconi su Sa limba tocare solet inue sa…
    Maurizio Virdis su Sa limba tocare solet inue sa…
    alexandraporcu su Sa limba tocare solet inue sa…
    emilio aurilia su ‘Narratività sarda medie…
    Maurizio Virdis su Sos Gosos del manoscritto dell…
    emilio aurilia su Sos Gosos del manoscritto dell…
    Maurizio Virdis su S’assentu de sa politica…
    antoni de uddusò su S’assentu de sa politica…
    Giovanni Paolo Salar… su La lingua sarda oggi: bilingui…
    emilio aurilia su Prospettive identitarie in Sar…
    emilio aurilia su A sa luna
  • MOI

  • META

  • Configura il widget Immagine nelleimpostazioni widget.
  • BLOG STATS

    • 45,057 hits
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...