La varietà di Cagliari e le varietà meridionali del Sardo.

Maurizio Virdis  

La varietà di Cagliari e le varietà meridionali del Sardo.

Cagliari arquer

È ben noto che il Sardo ha una fondamentale divisione diatopica che divide il suo spazio  geografico in due metà, l’una settentrionale, l’altra meridionale. I principali tratti che distinguono queste due aree possono essere riassunti nella seguente tabella:

Base originaria latina NORD SUD

 -E, -O (finali)-e, -o-i, -uĈ / Ĝ + E, Iĉ/ĝ + e, ič/ǧ + e, i;-L-l (dentale)ʟ (velare), ṛ, b, (g)w, ʔL + Jǧ > dzllT/C + Jth > t/tqtsR-r-ar + r-S + Consonanteis + consonante(i)s + consonanteQU (+ vocale)bbqw

Se vogliamo aggiungere alcuni tratti morfologici, aggiungeremo la neutralizzazione di genere dell’articolo determinativo in is a meridione contro l’opposizione sos m. ~ sas f. a settentrione, e le diverse forme dei pronomi clitici derivati da ILLUM/-A /-I/-OS/-AS/-IS che, a sud, mantengono la consonante geminata, pur evoluta nella retroflessa ḍḍ (e magari, in determinate condizioni fonotattiche, tali pronomi mantengono anche la forma piena: (i)ḍḍu/-a/-i/-a/-os/-as/-is); di contro all’area settentrionale che presenta forme degeminate e sempre aferetiche: lu/-a/-i/-a/-os/-as/-is.

È ben chiaro che le isoglosse relative a questi duplici esiti delle due macroaree non coincidono, esse tuttavia tengono comunque un andamento est-ovest che divide le due metà dello spazio in un’area settentrionale e in un’area meridionale. Chiameremo le due macroaree, secondo tradizione e per brevità, Campidanese la meridionale e Logudorese la settentrionale, prescindendo dalla loro coincidenza rispetto alle regioni geografiche da cui prendono nome: il Campidano e il Logudoro.

 Massimiliano Medda

   Ci sarebbe da comprendere le ragioni di questa differenziazione fra queste due macroaree. Tradizionalmente si parla dell’area logudorese come più conservativa rispetto all’area campidanese più innovativa, anche perché più esposta alle influenze linguistico culturali esterne. In realtà le cose, e le definizioni, sotto questo profilo, appaiono meno statiche e semplici di quanto non paia e tradizionalmente si sia detto. Perché se è, per esempio, pur vero che il Logudorerse conserva le velari latine e le vocali medie finali, mentre il Campidanese volge a palatale le velari davanti ad e ed i, e muta in -i-u le vocali medie finali, d’altro lato il Campidanese si mostra più conservativo negli esiti di -L- : infatti gli esiti  e ʔ mostrano un’articolazione posteriore che fa presupporre come base di evoluzione una laterale velare, quale era originariamente la laterale latina; gli esiti bw e (g)w -L- possono intendersi come ulteriori evoluzioni che partono da un suono articolato posteriormente: ciò perché tanto i suoni con articolazione posteriore quanto quelli con articolazione anteriore sono entrambi suoni acusticamente gravi e, come noto, suscettibili di essere acusticamente confusi e dunque spesso intercambiabili; né va dimenticato che nella parlata cagliaritana, come pure nell’Italiano Regionale di Cagliari, la laterale ha in determinate fasce diastratiche un’articolazione velare [ʟ]. La laterale [l] logudorese ha invece un’articolazione dentale, quale quella che si è imposta nella tarda latinità in gran parte dello spazio romanzo. Conservativo  è il Campidanese pure per quanto riguarda il pronome clitico di terza persona, ḍḍu: infatti il mantenimento della geminata, e in alcune varianti contestuali, il mantenimento della forma piena non aferetica, è chiaramente un fatto di conservazione rispetto alla forma logudorese. Fatto conservativo è pure la prostesi vocalica davanti alla R- iniziale, se è vero che si tratta di una caratteristica proveniente dal sostrato iberico; tratto poi cancellato e comunque non presente nel Logudorese; il quale ultimo, d’altra parte, in presenta la costante presenza di una -i prostetica davanti alla sibilante S posizione preconsonantica, tratto anch’esso della tarda latinità, presente pure, ma non certo con regolarità, nel Campidanese. D’altra parte se il Campidanese innova palatalizzando in č (< Ĉ iniziale o postconsonantica) o ž (< Ĉ intervocalica) e in ǧ (< Ĝ) le originarie velari latine davanti a vocale anteriore, va detto – e ribadisco quanto anni or sono avevo affermato in altra sede: Virdis (1978) e Virdis (1988) – che tale palatalizzazione è, a mio avviso, non dovuta a influsso esogeno toscano, ma va ascritta alla comune evoluzione latino volgare e romanza di cui anche il Campidanese partecipa; ma va pur aggiunto che il dominio campidanese manifesta, in alcune aree periferiche, relativamente a questo fenomeno, tratti di conservazione: infatti nella Barbagia meridionale la velare intervocalica latina evolve in una affricata alveopalatale sonora, ģ (o [ʥ]): DECEM > [’deʥe]; mentre l’odierno suono palatale di molti centri dell’Ogliastra, ossia la affricata postalveolare sonora ǧ  (o [ʤ]), ([’deʤe< DECEM), parrebbe essere l’evoluzione di una alveopalatale: fenomeno evolutivo che si può osservare oggi  in atto nella Barbagia meridionale. L’evoluzione appare compiuta dunque nel Campidanese generale che presenta la fricativa postalveolare ž (o [ʒ]): [’deʒi]. E se è pur vero che i documenti medievali provenienti dall’area campidanese mostrano inequivoci segni di mantenimento della velare – come dimostrano diverse grafie delle CV: kertukidakidru (XVII, 11), binkidu (XVI, 3), archiepiscopadumerkei (XII, 2), pischina (XI, 2), piskina (XI, 7), connoschit (XII, 5) – essi mostrano alcuni, almeno, indizi di una avvenuta e comunque compresente palatalizzazione: ienniru (XIII, 4, 10; XIV, 14) <GENERU(M). D’altra parte se è vero che, come si diceva, il Logudorese mantiene intatte le vocali medie finali che non vengono innalzate in -i e in -u, va pur detto che si possono, almeno a me pare, avvertire, in questa varietà, alcuni fenomeni di ipercorrettismo nel passaggio di -i  in -e: UBI > ùve, TIBI > be (alternante, è vero, con bi); e aggiungerei il Frotoriane, del CSMB 132.22, e varianti Frodoriane 161.16, 162.6, Fodoriane 176.4, Frontoriane 145.8, ma anche, va pur detto, Fotoriani 122.6 < FORUM TRAIANI: l’odierna Fordongianus.  continua a leggere

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...