A Zacinto (furriadura dae Ugo Foscolo)

Ni prus mai app’a toccai sagraus is orus

’nnoi su corpus miu ninnu at tentu vida,

Zacinto mia, chi ti sprigas in coru

de mari aregu abi fut nascia nida

*

Vènere, e is  ìsulas cumpriat insoru

scaringendi, po ca no fut cittida

sa luxi crara e is frundas tuas de oru

dae is versus nòdius de su chi assortidas

*

in fadu is àccuas iat cantau, e s’istterru

po ca bellu ‘e mentovu e  in disaura

iat basau Ulisse Itaca sua pedrosa.

*

Su cantu  scetti a tui deu, fillu, isterru

o terra mamma mia; su disinnu ’e s’aura

fut de no ’nd’essi pranta a nois sa losa.

                              (Furriada de m!Vis*  21.11.2011)

 

*************

L’ORIGINALE

Né più mai toccherò le sacre sponde

ove il mio corpo fanciulletto giacque,

Zacinto mia, che te specchi nell’onde

del greco mar da cui vergine nacque

Venere, e fea quelle isole feconde

col suo primo sorriso, onde non tacque

le tue limpide nubi e le tue fronde

l’inclito verso di colui che l’acque

cantò fatali, ed il diverso esiglio

per cui bello di fama e di sventura

baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,

o materna mia terra; a noi prescrisse

il fato illacrimata sepoltura.

(Ugo Foscolo)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...