Archivi del mese: ottobre 2011

due.vers.in.prova

Verrà la gioia e avrà i tuoi occhi

La gioia a me verrà.  E i tuoi occhi

saranno una colma parola,

un grido acuto nel silenzio.

Verrà la gioia e avrà i tuoi occhi.

Sarà come smettere un vizio,

nella speranza attinta a labbro chiuso.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.

E nessuno mi potrà più portar via quegli occhi,

che lo specchio non vede né ti dona.

Il tuo labbro stento sarà canto alla mia voce,

rivestirò il tuo seno del mio giubilo.

Fuori tempo, anima mia. Pallida tremula

dolce sorella. M’innalzerò danzando sulla gioia.

                                                     (mVis! 2011)

No siat faulàngia cudh’attra cosa bella!

De ca no isperu. in tui m’affinu e isperu,

ànima, chi ti circu mein sa màggini;

tiru profettu ’e su de andai bantendi

mùtria chi mi consuma’ e mi cuffrimma

appitzu ’e ausèntzia tua. ’nci essi provu

tzurpu, cittiu e barrosu, mein s’ammàcchiu

intèndiu in tui, sa vida pedendidha

a tui chi a  vida m’intrapponis stentu:

chi su tempus  mi pappa’ e abettau dona,

cun su frori  ’e sa morti drucci e léviu,

gosu novìssimu a mei spraxu in fronti,

sutta sa luna a mesunotti in sorti,

s’àlinu tuu mussiendimci is pilus,

chi nemancu mi cuat su patimentu.

Manc’eu disìggiu, e dolu no dhu càlliat,

èrremu frori frìxidu, serrau. Gal’ ìnnidu.

                                         (mVis! 2011)

Annunci